a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa
 
 
 
AIPI Assoproprietari è a Vs. disposizione per Dichiarazione dei Redditi, IMU & TASI
 
  • Dichiarazione dei redditi Mod.730 o UNICO presentata nel 2015 per i redditi 2014.
  • Fotocopia della carta di identità in corso di validità.
  • Codice Fiscale del dichiarante, del coniuge e di tutti i familiari a carico.
  • Modello F24 per acconti IRPEF 2015 e/o compensazioni (solo per chi nel 2015 ha presentato il Mod. UNICO).
  • Ricevute pagamento IMU e TASI anno 2015.
 
CERTIFICAZIONI PER L’ANNO 2015 RELATIVE A:

  • CERTIFICAZIONE UNICA 2016 (ex Mod. CUD): Redditi di lavoro dipendente, di pensione, di cassa integrazione, disoccupazione, mobilità, infortunio, maternità, borse di studio, remunerazione dei sacerdoti. Redditi assoggettati a ritenuta d’acconto (es. collaborazioni occasionali, coordinate e continuative, diritti d’autore).
  • Redditi percepiti da privati (es. in qualità di collaboratori domestici), da fallimenti, da pensione estera, alimenti percepiti dall’ex-coniuge, rendite vitalizie.
  • Dividendi di azioni (esclusi quelli già assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta).
  • Redditi prodotti all’estero.
 FABBRICATI E TERRENI:
  • Rogito o Dichiarazione di successione di immobili acquistati, venduti, donati o ereditati nel 2015 e/o nel 2016.
  • Importo del canone di locazione percepito nell’anno 2015 per ogni fabbricato dato in affitto.
  • Fotocopia dei contratti di locazione a “canone concordato”, a canone libero (4+4) e ad uso diverso da abitazione (6+6, 9+9), anche se stipulati in anni precedenti; copia dei contratti di comodato.
  • Visure catastali recenti degli immobili (terreni compresi). Il servizio di rilascio delle visure da parte dell’Agenzia del territorio può essere fornito direttamente dai nostri Uffici, su richiesta.
  • Per chi possiede immobili all’estero: atto di acquisto o, in mancanza, il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l’immobile.
 DOCUMENTAZIONE ONERI DETRAIBILI O DEDUCIBILI  SOSTENUTI NEL 2015:
  • Interessi su mutui ipotecari per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale.
  • Spese sanitarie (es. spese mediche specialistiche, ticket, scontrini della farmacia  riportanti il codice fiscale dell’assistito, spese per analisi; terapie purchè prescritte da un medico, cure omeopatiche; lenti a contatto e relativi liquidi; occhiali; acquisto o affitto di protesi sanitarie; pannoloni per incontinenti; degenze e ricoveri). Per i “dispositivi medici” è necessario allegare la confezione o il foglietto illustrativo contenente la dicitura CE, se non già indicata sullo scontrino.
  • Acquisto e riparazione di veicoli per disabili e/o acquisto del cane guida per non vedenti.
  • Spese mediche e di assistenza specifica per le persone con disabilità.
  • Spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale, nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana.
  • Spese veterinarie e per mantenimento dei cani guida.
  • Premi di assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni.
  • Spese funerarie sostenute, indipendentemente dall’esistenza di un vincolo di parentela col defunto.
  • Tasse scolastiche per corsi di istruzione di ogni ordine e grado, compresa la mensa scolastica; rette pagate per asilo nido.
  • Spese per attività sportive praticate dai ragazzi tra i 5 e i 18 anni.
  • Erogazioni liberali a favore di ONLUS, movimenti e partiti politici, associazioni sportive, istituti scolastici, Università ed enti di ricerca, donazioni a seguito di calamità.
  • Contributi associativi a Società di Mutuo Soccorso (es. EMEC, CAMPA)
  • Erogazioni per i Paesi in via di sviluppo e per le istituzioni religiose.
  • Assegni alimentari versati al coniuge separato o divorziato.
  • Contributi obbligatori (es. versamenti all’INPS); forme pensionistiche complementari e individuali.
  • Contributi INPS per addetti a servizi domestici e familiari.
  • Spese relative all’adozione di minori stranieri.
  • Spese per la ristrutturazione edilizia (50%): fatture pagate, ricevute degli bonifici bancari, quietanze degli eventuali oneri di urbanizzazione. Per le spese condominiali è sufficiente la certificazione rilasciata dall’amministratore.
  • Spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe A+ (solo per chi ha sostenuto spese di interventi di recupero del patrimonio edilizio).
  • Spese sostenute per il risparmio energetico detraibili al 65% (fatture, ricevute dei bonifici, asseverazione ove richiesta, documentazione spedita all’ENEA al termine dei lavori).
  • Consorzi di bonifica (es: Canale Reno, Canale Savena, Bonifica Renana).Non sono deducibili i consorzi per abitazioni locate con tassazione in cedolare secca.
  • Indennità corrisposta all’inquilino per la perdita dell’avviamento.
  • Spese sostenute per la manutenzione obbligatoria degli immobili soggetti alle Belle Arti.
  • Spese per i canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede.
  • Spese per intermediazione immobiliare per l’acquisto dell’abitazione principale.
  • Riscatto contributi anni di laurea, anche per familiari a carico.
  • Spese per l’acquisto o la costruzione di abitazioni date in locazione, in determinati casi.


12 maggio 2016

Sei a Bologna o dintorni?
Per informazioni o approfondimenti contattaci:
tel +39.051.29.60.694 — e-mail aipi@assoproprietari.it

« torna all'elenco news