a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa
No tasse sulla prima casa?

L’annuncio del Presidente del Consiglio di eliminare tutte le tasse sulla prima casa, decisione che ovviamente trova il totale nostro apprezzamento, ha di converso innescato una serie di commenti non propriamente favorevoli di Associazioni, Sindacati e frange partitiche che, con motivazioni certamente logiche dal loro punto di vista, non scalfiscono però la validità complessiva del provvedimento.

Assoproprietari, lo precisiamo, non fa riferimento ad alcun partito, per cui il giudizio su questo argomento è assolutamente libero ed indipendente. Gli industriali ritengono più opportuno sgravare le tasse per le imprese, giusto: ma qualcuno dovrà pur comprare i loro prodotti, e lasciare un po’ di soldi in più in tasca alle famiglie italiane favorirebbe di certo la ripresa dei consumi.
L’obiezione invece di alcuni sindacati e piccole parti politiche è che abolendo le tasse sulla prima casa non ci sarebbe differenza tra chi  ha un bilocale e chi vive in un attico di 200 mq, non è colpa dei proprietari  se la riforma del catasto con criteri diversi non è ancora attuata, si adoperino per questo piuttosto di infierire sempre sul proprietario di casa.

In Italia spesso la prima casa è stata acquistata perché non c’era disponibilità di case pubbliche, quindi il privato con grandi sacrifici ha sopperito ad una deficitaria presenza dello Stato in ambito edilizio. Di conseguenza in Italia le famiglie che vivono in casa propria sono una percentuale molto più alta che in altri Paesi, riducendo di molto i costi dell’edilizia pubblica per lo stato: la tassazione della “prima casa” sarebbe dunque un’ulteriore imposta sui risparmi degli italiani.

Tonino Veronesi
Presidente Assoproprietari


 
15 Settembre 2015
 


15 settembre 2015

Sei a Bologna o dintorni?
Per informazioni o approfondimenti contattaci:
tel +39.051.29.60.694 — e-mail aipi@assoproprietari.it

« torna all'elenco news