a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa

Intesa Sanpaolo, il mattone sta per ripartire

Sembrerebbe proprio che la auspicata ripresa del mercato immobiliare sia vicina,questa convinzione  emerge da un’analisi della Direzione Studi e ricerche di Intesa Sanpaolo sull’andamento del mercato immobiliare e dei mutui nel nostro Paese,  notizia data  da  il Giornale. Afferma la Banca, in Italia ci sono tutte le condizioni per una ripresa del mercato degli immobili residenziali . Il report evidenzia i progressi sul fronte occupazionale e della dinamica del reddito disponibile che gli analisti di Ca’ de Sass stimano in piccolo  incremento nel 2016 come  nel 2017.

 Anche i dati Istat evidenziano miglioramenti sia per il  calo della disoccupazione che per quanto riguarda la solidità dei bilanci familiari.
Molto importante  l'andamento dei mutui ,in particolare, secondo le rilevazioni di Bankitalia, ad agosto è proseguito l’ulteriore calo dei saggi per  mutui residenziali.
 Il tasso medio dei nuovi finanziamenti per l’acquisto di abitazioni si è attestato al 2,2% (1,8% per il variabile e 2,4% per il fisso oltre i dieci anni). Questi dati  hanno contribuito a  stimolare la domanda di mutui per l'acquisto immobiliare.
Intesa riporta che il flusso mensile di nuovi mutui erogati ad agosto,  è aumentato a 8 miliardi il massimo degli ultimi cinque anni.
Da metà 2015, i prestiti alle famiglie sono in crescita e il tasso di incremento annuo ha abbondantemente superato l’uno per cento.
L’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate ha, inoltre, evidenziato che nel secondo trimestre 2016 le compravendite nel settore residenziale sono aumentate del 22,9% (+20,6% nel primo trimestre). Il trend sta riportando il mercato ai livelli antecedenti la crisi del 2012. La ripresa nel comparto abitativo è più accentuata nel Nord (+24,9%), che rappresenta oltre la metà del mercato complessivo, seguita dal Sud (+20,8%) e dal Centro (+20,7%). Crescita molto sostenuta a Bologna (+33,5%) e Milano (+29,7%) con Napoli in terza posizione (+25,3%). Dai dati indicati indicati dal Giornale emerge anche  che la percentuale di consumatori che ha manifestato l’intenzione di acquistare una casa è ai livelli massimi dal 2005.
Anche le Associazioni dei costruttori e delle attività legate all'edilizia esprimono le stesse convinzioni, ovviamente staremo a vedere.
Anche noi  a Bologna abbiamo le stesse sensazioni, un aumento della richiesta alla quale però non corrisponde un aumento dei prezzi di vendita,questo va tenuto bene presente da chi vuole vendere, i prezzi di mercato sono fermi.

Tonino Veronesi
Presidente Assoproprietari Bologna
 
 

15 novembre 2016

Sei a Bologna o dintorni?
Per informazioni o approfondimenti contattaci:
tel +39.051.29.60.694 — e-mail aipi@assoproprietari.it

« torna all'elenco news