a Bologna...
per tutti i Proprietari di Casa
Il bilancio condominiale deve essere chiaro !!!
 
La recentissima sentenza della Suprema Corte di Cassazione numero 3892 del 19/02/2017, si sofferma sull'importanza della chiarezza del bilancio condominiale non solo quale documento contabile essenziale ma anche quale atto di verifica sull'operato dell'amministratore. 
 
Ovviamente la contabilità di cui si parla deve essere chiara ed idonea a rendere comprensibili ai condomini le relative quote di ripartizione con le contestuali voci di entrata e di uscita, talché, vi è l'obbligo da parte dell'amministratore di una puntuale tenuta dei registri contabili con la precisazione di tutte le voci unitamente ai loro documenti giustificativi.
 
Il fondamento della pronuncia è quello di permettere ai condomini di stabilire se l'operato di chi redige il rendiconto sia uniformato ai criteri della buona amministrazione, in quanto il rapporto tra l'amministratore ed i condomini è legato da un contratto di mandato dove il mandatario (amministratore) ha l'obbligo di presentare al mandante (condomini) il rendiconto del proprio operato anche in funzione del proprio compenso.
 
Pertanto, in caso di una contabilità poco chiara e/o trasparente, l'amministratore di condominio non potrebbe pretendere il pagamento delle proprie spettanze, salvo l'approvazione del relativo rendiconto da parte dell'assemblea dei condomini che difatti avrebbe valore di riconoscimento di debito sulle passività indicate.
 
Quindi attenzione quando vi è l'approvazione del bilancio condominiale in assemblea, accertatevi sempre che il documento contabile sia chiaro e trasparente. 
 
Avv. Andrea Piro
Consulente Assoproprietari


13 marzo 2017

Sei a Bologna o dintorni?
Per informazioni o approfondimenti contattaci:
tel +39.051.29.60.694 — e-mail aipi@assoproprietari.it

« torna all'elenco news